Contributi a fondo perduto alle attività artigianali e commerciali operanti nel Comune di Villa Sant’Antonio annualità 2020

18 gennaio 2022

La responsabile del servizio tecnico premesso che i commi 65-ter, 65-quater e 65-quinquies dell’art. 1 della legge n. 205/2017, modificati dal comma 313 dell'art. 1 della legge n. 160/2019 e dall’art. 243 del decreto-legge n. 34/2020, stabiliscono:

“65-ter. Nell'ambito della strategia nazionale per lo sviluppo delle aree interne, presso il Dipartimento per le politiche di coesione della Presidenza del Consiglio dei ministri è istituito un fondo di sostegno alle attività economiche, artigianali e commerciali con una dotazione di 30 milioni di euro per ciascuno degli anni 2020, 2021 e 2022. Il fondo è ripartito tra i comuni presenti nelle aree interne con decreto del Presidente del Consiglio dei ministri, su proposta dal Ministro per il Sud e la coesione territoriale, che ne stabilisce termini e modalità di accesso e rendicontazione.
65-quater. Agli oneri derivanti dal comma 65-ter si provvede mediante corrispondente riduzione del Fondo per lo sviluppo e la coesione - programmazione 2014-2020 di cui all'articolo 1, comma 6, della legge 27 dicembre 2013, n. 147.
65-quinquies. Il Fondo di cui al comma 65-ter è incrementato di euro 60 milioni per l'anno 2020, di Euro 30 milioni per l'anno 2021 e di euro 30 milioni per l'anno 2022, anche al fine di consentire ai Comuni presenti nelle aree interne di far fronte alle maggiori necessità di sostegno del settore artigianale e commerciale conseguenti al manifestarsi dell'epidemia da Covid-19. Agli oneri derivanti dal presente comma si provvede mediante corrispondente riduzione del Fondo per lo sviluppo e la coesione - programmazione 2014-2020 di cui all'articolo 1, comma 6, della legge 27 dicembre 2013, n. 147”.

Vista la delibera CIPE n. 8 del 2015, con la quale si è preso atto dell’Accordo di Partenariato tra Italia e Unione Europea 2014-2020, nel quale, tra l’altro, sono definiti gli ambiti territoriali e le linee di azione della Strategia nazionale per lo sviluppo delle aree interne, volta a perseguire un’inversione di tendenza demografica, migliorare la manutenzione del territorio ed assicurare un maggiore livello di benessere e inclusione sociale dei cittadini di queste aree, caratterizzate dalla lontananza dai servizi essenziali, attraverso il migliore utilizzo e la valorizzazione del capitale territoriale.

Vista la delibera del CIPE n. 52 del 2018, con la quale si è preso atto, tra l’altro, degli esiti del complessivo procedimento di selezione delle aree interne, tra le quali ripartire i finanziamenti nazionali disponibili a legislazione vigente, su proposta delle singole Regioni interessate.

Visto il Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri del 24 settembre 2020 recante “Ripartizione, termini, modalità di accesso e rendicontazione dei contributi ai comuni delle aree interne, a valere sul Fondo di sostegno alle attività economiche, artigianali e commerciali per ciascuno degli anni dal 2020 al 2022”, pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale Serie Generale n. 302 del 04-12-2020 ed in particolare l’Allegato 2, il quale assegna al Comune di Villa Sant’Antonio un contributo di € 16.384,86 per la prima annualità 2020.

VISTE le F.A.Q. dell’Agenzia per la coesione territoriale sul Dpcm 24 settembre 2020 “Ripartizione, termini, modalità di accesso e rendicontazione dei contributi ai comuni delle aree interne, a valere sul fondo di sostegno alle attività economiche, artigianali e commerciali per ciascuno degli anni dal 2020 al 2022”;
Vista la comunicazione dell’Unione di Comuni Alta Marmilla prot. nr. 811 del 23.01.2021 (nostro prot. nr. 1032 del 01.03.2021) con la quale comunica l’attivazione del Servizio di supporto specialistico per assistenza tecnico amministrativa rivolto ai Comuni aderenti all'Unione di Comuni Alta Marmilla nella gestione unitaria dell'erogazione dei contributi a valere sul Fondo di sostegno alle attività economiche, artigianali e commerciali di cui all'art. 1, comma 65-ter e ss., della legge 205/2017 e secondo quanto disposto dal DPCM 24.09.2020, così come disposto dalla della Giunta dell’Unione di Comuni Alta Marmilla n. 12 del 18.01.2021.

Vista la deliberazione della Giunta Comunale n. 42 del 14/10/2021 che ha approvato il presente bando ed i suoi allegati.

Vista la deliberazione del Consiglio Comunale n. 10 del 03/06/2021 di approvazione del bilancio di previsione 2021-2023.

Emana il bando consultabile in allegato.